pf_lampadine2

Aumentare la
trasparenza di gestione

0
N. FONDI CON 5 STELLE
0
FONDI INTERESSATI AL TEMA
0
FONDI ATTIVI NEL TEMA

Come Posso Agire?

La posta in gioco

Lo sviluppo della cultura della sostenibilità e dell’importanza dei fattori ESG all’interno delle aziende è un passaggio fondamentale ed è bene distinguere coloro che sono realmente impegnati per lo sviluppo di un futuro più sostenibile da chi sfrutta la situazione come fosse un “trend” per trarne un guadagno, ma senza poi fare nulla di concreto.

In una situazione del genere la trasparenza diventa dunque un principio cardine per coloro che intendono rendere partecipi i propri investitori e che vogliono dimostrare come il proprio operato sia effettivamente volto a favore della sostenibilità e non si tratti solamente di greenwashing.

Per greenwashing si intende quelle strategie di comunicazione che le imprese possono adottare che sono finalizzate a costruire un’immagine positiva della propria azienda dal punto di vista ambientale e della sostenibilità, quando, in realtà, le proprie attività sono tutt’altro che green o sostenibili.

Gli obiettivi di sostenibilità

L’obiettivo primario che i fondi comuni possono porsi in materia di trasparenza è quello di aiutare gli investitori a fare le proprie scelte in maniera informata, dare agli stessi una possibilità di partecipare attivamente al processo di sviluppo sostenibile, che sia attraverso un contributo a favore dell’ambiente, del sociale o attraverso le politiche di governance delle società.

È fondamentale sottolineare come l’inserimento della normativa SFDR, che pone sui fondi nuovi obblighi in tema di disclosure, abbia radicalmente cambiato l’approccio dei fondi d’investimento alla sostenibilità. L’obiettivo che l’UE vuole raggiungere attraverso l’SFDR è far sì che i soggetti interessati dai nuovi obblighi di disclosure sulla sostenibilità dovranno pubblicare sui propri siti le informazioni relative alle politiche adottate per integrare i rischi di sostenibilità e gli eventuali impatti che questi potrebbero avere sul rendimento dei prodotti finanziari.

La trasparenza per i fondi d’investimento inoltre può essere divisa in trasparenza del processo di gestione e trasparenza nei confronti degli investitori:

La prima può consistere nel dotarsi di un sistema di valutazione e monitoraggio delle prestazioni ESG delle proprie partecipazioni comunicandone i risultati e gli andamenti e nel nominare un Advisory board che possa decidere direttamente in merito a questioni ESG.
La seconda consiste invece nei dati che si mettono a disposizione degli investitori come la lista dettagliata delle partecipazioni facenti parte del portafoglio, l’adesione volontaria al PRI, o ad altre istituzioni e fondazioni specializzate (Eurosif, GIIN, GRI) o nel possedere delle certificazioni esterne che possano essere direttamente verificate dagli investitori o che assicurino un determinato livello di trasparenza e di sostenibilità (labels).

Le strategie di gestione

Gli investitori sostenibili utilizzano diverse strategie di gestione per promuovere la propria cultura della sostenibilità e della trasparenza:
L’approccio per Esclusione: Astenersi dall’investire in industrie e aziende che operano in determinati campi considerati “non sostenibili” e dannosi per l’ambiente o la comunità.
L’approccio Normativo: Tenere in particolare considerazione le normative ed i regolamenti internazionali in materia di sostenibilità e di ESG.
L’Engagement: Coinvolgere attraverso la propria politica di voto ed il dialogo diretto le proprie partecipazioni in tematiche ESG.
L’approccio Tematico: Avere una strategia d’investimento fortemente improntata verso una tematica di investimento sostenibile come: green bonds, fonti rinnovabili, riduzione della CO2, economia circolare, protezione delle risorse marine e della biodiversità.
Le Best practice: Avere una strategia di investimento basata sulla selezione degli emittenti che ottengono i rating ESG più alti valutati per industria, settore o regione così da ottenere una elevata qualità del portafoglio.
Impact investing: Avere una strategia di investimento che punta ad avere delle politiche che abbiano un impatto concreto e che non siano necessariamente le più redditizie.
Integrazione degli ESG: Avere una strategia esplicita con dei criteri di selezione che integrano tutte le dimensioni ESG (ambiente, sociale, governance).

Utilizziamo 46 criteri per valutare la posizione dei fondi in termini di trasparenza, che analizziamo sia a livello di capogruppo, di società di gestione che di fondo.

In questo ambito è principalmente la valutazione dell’ESG Risk a influenzare i punteggi in quanto le categorie che alimentano l’Impatto ESG e lo Screening poco si sposano con il concetto di Trasparenza.

La trasparenza verso gli investitori ha il maggiore peso nelle nostre valutazioni, vista l’assenza di uno standard di mercato e le oggettive difficoltà a riperire le informazioni utili da parte degli investitori.

La trasparenza verso la società civile, gli impegni pubblici di riduzione d’impatto e le collaborazioni con le Fondazioni e le Organizzazioni Internazionali competenti completano l’analisi (UNPRI, Global Compact, UNPRB)

Gli impatti avversi

Il tema della trasparenza verso gli investitori è centrale nella politica europea, e gli obblighi di disclosure sono sorvegliati in maniera molto forte dai regolatori. In particolare, la lotta al Greenwashing è uno dei pilastri di vigilanza. Le normative emanate hanno lo scopo di fornire ai clienti investitori, anche privati, sufficienti informazioni ai fini di fare delle scelte d’investimento consapevoli che includono anche le considerazioni di sostenibilità.

A livello di settore, sono incoraggiate le buone pratiche di condivisione delle informazioni sulla sostenibilità attraverso lo scambio di files tecnici (EET) che racchiudono tutte le informazioni richieste dalla Normativa. Seppur opzionale, questa trasparenza istituzionale costituisce per noi una fonte preziosa d’informazioni, e chi rifiuta di elaborare questo file o di condividerlo viene penalizzato nel nostro sistema di valutazione.

Siccome la trasparenza è fortemente  inquadrata dalla Legge, non ci sono indicatori di impatti avversi obbligatori per i fondi sostenibili, al di fuori della normativa stessa.

landscape-device

Per una migliore lettura dei dati, per favore ruota il tuo dispositivo.

I 5 Fondi azionari sostenibili più redditizi attenti alla tematica della Trasparenza :

type_name_it Classificazione Instrument_id Fondo Divisa ESGAP Class_type tema Intensità Performance RIschio Performance 6 mesi Performance 1 anno Performance 3 anni

I 5 Fondi obbligazionari più redditizi attenti alla tematica della Trasparenza :

type_name_it Classificazione Instrument_id Fondo Divisa ESGAP Class_type tema Intensità Performance RIschio Performance 6 mesi Performance 1 anno Performance 3 anni

I 5 ETF sostenibili più redditizi attenti alla tematica della Trasparenza :

type_name_it Classificazione Instrument_id Fondo Divisa ESGAP Class_type tema Intensità Performance RIschio Performance 6 mesi Performance 1 anno Performance 3 anni

I 5 fondi tematici sostenibili più redditizi attenti alla tematica della Trasparenza  :

type_name_it Classificazione Tema Instrument_id Fondo Divisa ESGAP Class_type Intensità Performance Rischio Performance 6 mesi Performance 1 anno Performance 3 anni
Raccomandazioni