dreamstime_128779245_centralinucleari_medium

Escludere l’energia nucleare

0
FONDI MONITORANO IL TEMA DEL NUCLEARE
0
FONDI ESCLUDONO L'ELETTRICITA' NUCLEARE
0
FONDI ESCLUDONO L'ESTRAZIONE DI MATERIE RADIOATTIVE

Come Posso Agire?

La posta in gioco

Il tema del nucleare è uno dei più dibattuti dell’ultimo secolo:

è stata una tecnologia utilizzata con effetti disastrosi in ambito militare (Seconda guerra mondiale, le famose bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki), ma è anche utilizzata per la produzione di energia elettrica attraverso la costruzione e lo sfruttamento di apposite centrali nucleari, anch’esse, in rari casi, protagoniste di alcune tragedie (vedi Chernobyl nel 1986 e Fukushima nel 2011).

Ma come funziona la produzione di energia nucleare?

Senza entrare in tecnicismi eccessivi l’energia nucleare è l’energia liberata durante le trasformazioni di nuclei atomici; trasformazioni ottenibili attraverso processi di fissione o di fusione dell’atomo.

Le visioni di sostenibilità

Il dibattito più acceso in materia di energia nucleare è quello della sostenibilità del nucleare stesso e dei suoi pro e contro per la società moderna; ci sono due principali fazioni in gioco:

  • C’è chi ritiene che l’energia nucleare sia sicura e che soprattutto possa essere considerata sostenibile in quanto ridurrebbe significativamente le emissioni di CO2 nell’atmosfera; consentirebbe inoltre un più semplice accesso all’energia elettrica e favorirebbe l’indipendenza energetica di ogni paese che dovesse decidere di avvalersene.
  • C’è invece chi sostiene che l’impatto che l’energia nucleare avrebbe sull’ecosistema circostante sarebbe profondamente negativo, mettendo a rischio sia la biodiversità che le persone. Bisogna anche considerare la problematica della difficoltà nello smaltire i rifiuti radioattivi che le centrali producono; sono altamente nocivi e pericolosi e necessitano di vaste aree isolate dove essere stoccati e mantenuti per oltre 30 anni.
Le strategie di gestione

Il tema dell’energia nucleare e del suo sfruttamento viene affrontato prevalentemente attraverso l’approccio per esclusione:

  • Vengono infatti escluse dai portafogli le società che sono legate all’estrazione, la conversione, l’arricchimento e lo smaltimento di uranio e altri materiali radioattivi o che siano coinvolte in progetti di ampliamento o costruzione di centrali elettriche nucleari. Le soglie di tolleranza si aggirano intorno al 5% ed in alcuni casi sono anche nulle.

In ambito di armamento nucleare invece, oltre all’esclusione delle società che producono o vendono armi nucleari, viene utilizzato anche l’approccio normativo:

  • Legato alla firma e all’applicazione da parte degli Stati Sovrani del Trattato di non proliferazione del Nucleare (TNP) del 1968 che prevede la non proliferazione delle armi nucleari, il disarmo e l’uso pacifico sotto la supervisione di un organismo internazionale l’AIEA.
Risultati ed osservazioni

Nei fondi sostenibili che abbiamo analizzati, non c’è consenso in materia poiché il 47% dei fondi pone qualche limite relativo all’energia nucleare :

  • il 34% dei fondi esclude le attività connesse alla costruzione o allo sfruttamento delle centrali nucleari (elettricità di origine nucleare)
  • il 32% dei fondi esclude le attività coinvolte nell’estrazione, la vendita e lo stoccaggio di materiali nucleari e radioattivi
landscape-device

Per una migliore lettura dei dati, per favore ruota il tuo dispositivo.

I fondi migliori che escludono l’Elettricità di origine nucleare :

i fondi migliori che escludono l’estrazione di materiali radioattivi :

Raccomandazioni